Home

Biografia di Mauro Martello

Nato a Mestre, ha iniziato la sua attivitā musicale giovanissimo collaborando  con vari musicisti e compagnie teatrali, per le quali ha eseguito musiche di scena affrontando in questo contesto in particolare il repertorio etnico internazionale. Si č poi interessato al genere “progressive rock” . contemporaneamente frequentava il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia  dapprima sotto la guida del M° Pasquale Rispoli e, in seguito, del  M° Guido Novello che lo ha seguito fino al diploma in flauto traverso conseguito nel 1981. Nello stesso Conservatorio ha poi seguito il corso di perfezionamento.

A partire da 1986 si č dedicato allo studio della musica barocca e rinascimentale eseguita su strumenti d’epoca, con particolare attenzione alle composizioni nate nella prima metā dal 1700. Ha seguito corsi con alcuni tra i pių grandi specialisti del flauto barocco (S.Balestracci, W. Van Hauwe, M.Zimmermann).

Il repertorio solistico di Mauro Martello comprende sonate e concerti di Platti, Telemann, Hasse, Vivaldi, Marcello, Bach, Haendel, Bon, Locatelli, Mozart oltre a composizioni della scuola francese del 1700.

Ha poi approfondito lo studio di diversi strumenti a fiato di diverse culture ed in particolar modo del duduk armeno seguendo per diversi anni gli stages tenuti dal grande virtuoso Gevorg Dabaghyan.

Suona di diversi ensemble di musica antica: Collegium Musicum Venezia, Trio Vaghi accenti, Trio Veneziano.

Con il gruppo “Sidera Noctis” ha pubblicato il cd "From Lost Space" che  ha ottenuto lusinghiere recensioni su riviste specializzate.

Č componente del gruppo storico di “progressive rock” Opus Avantra di Donella Del Monaco e Alfredo Tisocco e del gruppo Sinelimite con Donella Del Monaco e Paolo Troncon.

Fa parte del "Lincoln Quartet", una formazione che propone in live il repertorio dei Jethro Tull di Ian Anderson, il grande virtuoso del flauto rock. Il gruppo si esibisce spesso con Clive Bunker, batterista storico dei Jethro Tull.

Dal 1995 č animatore e arrangiatore del gruppo musicale giovanile I FLAUTI DI SAN MARCO.

Nel 2003 ha curato, per una produzione del Teatro La Fenice di Venezia,  il coro di voci bianche per l’allestimento de “L’Opera delle Filastrocche” composta da Virginio Savona che č andata in scena in deverse repliche al PalaFenice di Venezia.

Nel’autunno 2005 ha partecipato alla tournče “Lontano dal mondo” che ha avuto repliche in alcuni dei pių importanti teatri del nord Italia   ("La Pergola" di Firenze, "Carignano" di Torino,  "Carcano" di Milano,  "Sociale" di Mantova,  "Duse" di Genova,  "Embassy" di Treviso,  "Nuovo" di Verona, Comunale di Belluno, "Donizetti" di Bergamo,  "Arena del sole" di Bologna , Teatro di Varese, Teatro "Grande" di Brescia).  Lo spettacolo, scritto da Marco Goldin e organizzato da "Linea d'ombra", č stato organizzato per promuovere la grande mostra su Gauguin e Van Gogh allestita a Brescia tra ottobre 2005 e marzo 2006 e che č stata visitata da  oltre 541.000 persone.    

Ha tenuto concerti e registrazioni discografiche anche con importanti esponenti del "pop" italiano  (Tosca,  Antonella Ruggiero), del "progressive" storico (Osanna, Jenny Sorrenti, Aldo Tagliapietra, Alberto Radius) e della canzone d'autore (Massimo Bubola).

Nell'autunno 2006 ha partecipato alla prima esecuzione assoluta di "Em/Pyre" di Elliott  Sharp nell'ambito della Biennale di Venezia.

Nel 2008 ha realizzato la riduzione teatrale del romanzo di Antonia Arslan "La masseria delle allodole" con l'attore Sandro Buzzatti. Per questo spettacolo ha curato anche le musiche di scena, composte da Avedis Nazarian, che ha eseguito al duduk e allo shvi con i musicisti Anna Campagnaro (violoncello) e Gabriele Bruzzolo (percussioni).

Nell'autunno del 2011 ha partecipato, nel ruolo di flautista e compositore, al tour "Van Gogh e il viaggio di Gauguin" con il critico e storico dell'Arte Marco Goldin, il fisarmonicista Renzo Ruggieri e il violoncellista Piero Salvatori. Nel corso del tour č stato accompagnato anche dalle orchestre "Filarmonia Veneta" e "Alighieri" di Marina di Ravenna. Lo spettacolo č andato in scena a Milano (Teatro Carcano), Verona (Teatro Nuovo), Genova (Teatro Stabile), Venezia (Teatro Santa Margherita), Rimini (Nuovo Palazzo dei Congressi), San Marino (Teatro Titano), Bologna (Arena del Sole), Torino (Teatro Nuovo), Genova (Palazzo Ducale) Milano (Palazzo Clerici)

Sempre in veste di solista e compositore ha partecipato ad altri tour teatrali  per Linea d'ombra, nei pių importanti teatri del nord Italia, nel 2013, 2014 e 2016.

E' uscito, nell'ottobre 2015 il  disco "Sul punto di essere altrove", con 16 suoi brani orginali. 

Nell'autunno 2016 ha portato in scena, nei ruoli di attore e strumentista e compositore, lo spettacolo teatrale "Lectio Brevis" (Quadri satirici sulla scuola italiana) su testo di Enrico Busani (tratto dal libro "Santi, docenti e vaffa) e regia di Chiara Borgonovi.

Ha partecipato, come ospite flautista, alla registrazione del cd Live degli Osanna  "Pape Satān Aleppe" pubblicato e distribuito dal 18 novembre 2016.

Nella sua carriera ha tenuto migliaia di concerti  come solista e in formazioni da camera in Italia e all’estero (USA, Germania, Svizzera, Austria, Slovenia, Belgio, Francia, Romania, Giappone).

Si č esibito come flautista in alcune trasmissioni televisive delle tre reti RAI.

Ha al suo attivo decine pubblicazioni discografiche alle quali ha partecipato in veste di solista e in formazioni cameristiche.

Mauro Martello risiede a Mestre.

 

“Abile nei miracoli č Mauro Martello che in diverse occasioni con il suo flauto canta da solista e incanta l’ascoltatore”...

(CD CLASSICA NOVEMBRE 1997)

 

 “Spicca per sensibilitā musicale e capacitā tecniche il flautista Mauro Martello che ha raggiunto momenti di grande efficacia espressiva"...                                                                        

(L’ARENA 7.12.1993)